Crea sito

Top menu

Sorprendente Dani tra le curve del Mugello

Si sa, quello che si vive in diretta non sempre si riesce a descrivere nel migliore dei modi, ma l'emozione e l'adrenalina sono stati così forti che ancora oggi, a distanza di un giorno dalla chiusura del secondo weekend Supertwins, di sicuro resta abbastanza entusiasmo per poterne parlare e cercare di far vivere l'evento anche a chi non ha potuto essere al Mugello in questa occasione.

SCB 4842 web

 Che dire, weekend iniziato con caldo e meteo incerto da temporale estivo. Prove libere e turni di qualifiche fatte su pista asciutta e con condizioni ottimali e domenica di gare dal clima quasi autunnale, soprattutto ad inizio mattina, quando tutte le gare sono state dichiarate bagnate. Incertezza anche e soprattutto per quanto riguarda la scelta di assetti e pneumatici. Slick o rain? La scelta come si sa non è da poco e un errore può costare la gara, soprattutto in condizioni intermedie come quelle delle 11 di ieri mattina, quando per l'ingresso in pista dei piloti Supertwins, Roadster e Honda Hornet Cup le traiettorie erano quasi del tutto asciutte, ma scendeva ancora qualche goccia.

Fiato sospeso, spola tra il box e il muretto, pista osservata nelle varie curve attraverso i monitor.

Consulto tra piloti e meccanici, per noi tra Dani e Marino Delle Vedove della Scuderia MotoAtelier e la scelta di montare le gomme da asciutto, con la riserva di sostituirle eventualmente dopo il giro di ricognizione. Non ce n'è stato bisogno. La pioggia ha smesso di cadere, tempo stazionario, volto al miglioramento allo spegnimento del semaforo per la partenza. Rombo dei motori e scatto verso la prima curva, con Bartolini in partenza dalla prima casella, seguito e poi sorpassato da Brajnik della categoria Roadster in sella alla sua BMW, che si è portato in prima posizione dominando i primi 4 giri della gara, ma con pneumatici da bagnato che lo hanno limitato nel proseguire l'azione intrapresa e lo hanno costretto a rallentare. A seguire tra i piloti Supertwins partenza meno fortunata del solito quella di Dani, dalla terza casella, posizionata su asfalto bagnato perchè fuori traiettoria, prime curve e un contatto con il collega di categoria, Gasparini all'uscita della Materassi/Borgo san Lorenzo, che
lo ha portato fuori pista e fatto retrocedere chiudendo il primo giro in 13a posizione a 12'' di distacco dal primo.
Primi giri con un Valter Bartolini inizialmente in terza posizione, poi finito in 7a al terzo giro, con subito alle sue spalle Dani, che nel frattempo ha guadagnato qualche posizione.

 Il nostro ariete dei castelli romani ha mostrato la tenacia e la confidenza con l'asfalto umido e in condizioni non ottimali già mostrata più volte durante la stagione passata. In un quinto giro memorabile ha regalato un sorpasso alla staccata della San Donato superando all'esterno Bartolini e altri due piloti e portandosi con altri sorpassi nello stesso giro in prima posizione davanti a D'Amico (classe 4V Stock) e Brajnik, posizione mantenuta fino al 7° giro. Rimonta anche di Bartolini in sella alla GPM al 6° giro e inizio della bagarre vera e propria tra i due piloti della STWS protagonisti fino a fine gara, nel contendersi il primo posto.

Una serie di sorpassi e affiancamenti hanno portato più volte Dani a prendere la prima posizione e il campione 2013 a riprendersela. Brividi di adrenalina nel vedere affiancate la DVM RL12 e la GPM in diverse occasioni, come alla curva Bucine, percorsa con Bartolini all'interno e Dani all'esterno, fianco a fianco senza che nessuno dei due piloti cedesse un metro e a combattere per i restanti giri fino al passaggio sotto la bandiera a scacchi, che ha sancito la vittoria del numero 71. 

IMG 062 web


Sul podio a partire dalla terza posizione: Gasparini (42) 2' 14. 278, Marziali (27) 2' 04.246, Bartolini (71) 2' 03.173, piccola pausa e tra un mese (19-20 Luglio) ci si rivede a Franciacorta per la terza prova prevista dalla stagione 2014.

  

Classifica gara

Joomla templates by a4joomla